08
Apr
08

Rapidshare music: AC/DC – High Voltage

Gli AC/DC. Non è di certo, come è risaputo, un gruppo noto per aver spaziato fra più generi disparati, nè un gruppo troppo dedito alle sperimentazioni, ma nonostante ciò, a differenza di molti, nei loro vari cd’s li ho sempre trovati diversamente uguali (“Alcuni dicono che abbiamo tredici album e che sembrano tutti uguali. Non è vero. Abbiamo quattordici album che sembrano tutti uguali” Angus Joung). Certo, sarebbe esagerato dire che fra un cd e un altro ci sono differenze grandi e visibili, o cambi improvvisi di rotta, ma nonostante ciò il loro unico stile, a me, a volte, allieta. Il loro rock è rudimentale, nudo, preso dalla radice più profonda e sporca del blues, quello fatte di scale e di storie: è un pennare e strappare di suoni metallici, elettrici, carichi e rock. Rock, nella piena e originaria accezione del termine, privo di contaminazioni, di siglette complementari: rock, e basta. E al mio orecchio, devo dire, dopo ascolti che variano da Queen a Pink Floyd, da De Andrè a Janis Joplin, da Robert Johnson a Genesis e tanto altro, fa piacere ogni tanto immergersi in un caldo e carico stile di semplicità ed immediatezza, banale forse dopo ripetuti ascolti consecutivi, ma fortissimo nell’istante. Gli AC/DC vanno ascoltati a periodi, dopo lunghe pause, solo quando si ha davvero desiderio di semplicità, di una chitarra nuda ma forte, di un amplificatore spoglio, di una voce roca, arrabbiata, un graffio di corde vocali (io preferisco Bon Scott, tra parentesi).

Un pò immaturo, ma pieno completamente di questi fattori è il loro album d’esordio “High Voltage”, alta tensione (di cui possiedo la versione internaziole, diversa da quella che pubblicarono nella sola Australia). Quest’album è il gioco, il disimpegno, sesso droga e tanto rock’n’roll, con discese in un blues elettrico e risalite di un heavy ancora neonato fra le braccia di papà Rock. Di certo, come tutti i dischi d’esordio, non è perfetto nè troppo lineare, ma presenta comunque già tutte quelle che saranno le caratteristiche di questo gruppo in avanti, anche dopo che Bon Scott decise di entrare fra le vittime di quel rock che gli girava in gola e che lì decise di rimanere, per sempre. Il titolo del disco rispecchia benissimo il procedere di un disco che sembra uscire dalle prese di corrente della stanza dove ti trovi, certamente non meglio di dischi successivi (vedi “Highway to hell”), ma già con quella giusta rabbia teatrale, una rabbia finta, la rabbia di ogni rocker puro, la rivoluzione, la voglia di fregarsene, così, per sfizio, per gioco, per rock!… Angus Young (che io trovo un ottimo chitarrista e frontman) è la vera mente di questo naked-rock: è lui che si lascia infilzare e shockare dall’alta tensione, e lui che, come caricato dall’elettricità, lascia che le mani vadano, pazze, sulla chitarra anch’essa nuda; nuda, come una donna che aspetta di essere toccata, su un letto, nuda. Angus è come un uomo assetato di sesso che si lancia su questa provocante donnaccia, con la differenza che lui non placa mai la sua sete di rock, e le carezze sulla sua Gibson, diventano schiaffi di rock, di cui la chitarra non muore, anzi.

LINK MP3
http://rapidshare.com/files/102988651/AcDc_-_High_Volt.rar


0 Responses to “Rapidshare music: AC/DC – High Voltage”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


aprile: 2008
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Il mondo di Fulvio

Questo blog non risponde a nessuna esigenza particolare... non mi interessa divulgare le mie idee, politiche, artistiche, informatiche o pornografiche che siano... Dopo un gran gironzolare tra i vari blog raccattando qua e la' how to, guide, suggerimenti, video, link, immagini ho semplicemente deciso di raccogliere tutti i vari elementi in un solo spazio, tuto qui.. Quindi non pretendete che mi dilunghi in tecnicismi linuxiani o riflessioni filosofiche... il mondo di Fulvio e' cosi'.... funziona? E allora non c'e' ragione di posi domande... If it's right, no ask please!

music player
I made this music player at MyFlashFetish.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: